Napoli, Santacroce: “Osimhen uno dei migliori in circolazione“

Napoli, Santacroce: “Osimhen uno dei migliori in circolazione“

NAPOLI - Tutto il mondo NAPOLI si coccola Victor OSIMHEN. Anche Fabiano SANTACROCE, ex difensore azzurro, osanna l’autore della doppietta in Europa League nell’intervista rilasciata a Napoli Magazine: “Osimhen è un attaccante che SORPRENDE E SORPRENDERÀ SEMPRE. Riesce a sbagliare delle cose semplici e poi riesce a fare delle giocate difficilissime con una semplicità pazzesca. È un giocatore veramente strano ed atipico, ma è molto bello vederlo giocare perché ci mette sempre grinta e cuore. Ha ancora tanto da migliorare, ma con l’impegno e la costanza può farcela. Può diventare davvero - è la previsione di Santacroce - UNO DEI MIGLIORI ATTACCANTI IN CIRCOLAZIONE, la grinta e la fame che ha ce l’hanno in pochi”. I suoi gol avrebbero anche potuto portare in dote qualcosa in più di un pari nella tana del Leicester. Ma non tutto è girato per il verso giusto: “Peccato per i gol subìti - analizza l’ex difensore - si sono verificati con pochi passaggi, la difesa si è fatta trovare impreparata. DI LORENZO a sinistra non ha convinto tanto, forse sarebbe stato meglio fare un cambio di terzini. Certo che è facile dirlo dopo. Il Napoli avrebbe potuto vincere contro gli inglesi. OUNAS, ELMAS e POLITANO? Il turnover deve essere fatto, ma ci sono giocatori, come Lozano, che vanno ripresi perché la condizione fisica non è ancora ottimale. LOZANO ha giocato bene, ma è stato servito pochissimo. Non è riuscito a dare quello che avrebbe potuto, ma uno come lui, così come Insigne e ZIELINSKI, rappresentano i titolari e devono esserci in campo. Fa comunque piacere vedere che ci siano in panchina giocatori di un livello alto”. [Osimhen esulta sotto il settore ospiti: tifosi del Napoli impazziti] Guarda la gallery Osimhen esulta sotto il settore ospiti: tifosi del Napoli impazziti

“PETAGNA TITOLARE CON L’UDINESE? MI FIDO DI LUI”

Ora però è tempo di rituffarsi sul campionato. Il prossimo avversario si chiama UDINESE: “Petagna lo farei giocare - spiega Santacroce - dato che Osimhen può riposare. MI FIDO DI PETAGNA e dell’impegno che ci mette, visti le partite ravvicinate lo farei giocare subito contro l’Udinese”. Il turnover potrebbe essere la chiave per una stagione ricca di soddisfazioni: “IL NAPOLI DEVE CERCARE DI VINCERE SIA L’EUROPA LEAGUE CHE IL CAMPIONATO - è il commento molto poco scaramantico di Santacroce - poi chiaramente bisognerà seguire sempre la classifica. Ogni competizione è importante, il Napoli deve far bene ovunque. SPALLETTI sta incidendo tanto, il Napoli potrebbe lottare per lo Scudetto, nonostante non sia un anno semplice. Deve essere anche un anno fortunato, perché mentre a centrocampo e in attacco riescono a fare tanti cambi, potendo contare su diverse soluzioni, in difesa, soprattutto sulla fascia, quando manca MARIO RUI, si va un po’ in difficoltà. ANGUISSA riesce a fare bene tutte e due le fasi: è metà incontrista e metà un buon rifinitore per la fase offensiva. Non ha una sola attitudine, lo vedrei bene con DEMME”. La rosa a disposizione di Spalletti non è ancora al completo, quindi si aprono altri interessanti scenari in casa partenopea: “A centrocampo ci sono tanti calciatori - sottolinea ancora l’ex difensore azzurro - per Spalletti non sarà semplice scegliere quando saranno tutti disponibili. Spero anche che MERTENS e GHOULAM saranno fondamentali con i loro rientri. Mertens ha bisogno di non subire altri infortuni, ritrovare Ghoulam sarebbe una bella favola. Meritano entrambi di disputare un gran campionato. Del Napoli mi piace tantissimo la GRINTA con cui affrontano le partite, credo che sia un aspetto fondamentale del nuovo corso”. MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/napoli/2021/09/18-85463640/napoli_santacroce_osimhen_uno_dei_migliori_in_circolazione_/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: