Gattuso cambia: vuole un Napoli da battaglia per il tour de force

Gattuso cambia: vuole un Napoli da battaglia per il tour de force

Le dieci giornate del NAPOLI sono una battaglia sportiva in quattro mosse che comincerà domani a Udine, 10 gennaio, e finirà mercoledì 20 gennaio a Reggio Emilia in occasione della finale di Supercoppa con la Juve. Tre più uno, insomma: Udinese in campionato, Empoli in Coppa Italia, Fiorentina in campionato e poi il gran galà di chiusura con la rivale infinita. Per la quarta volta nella storia del trofeo: ma questa è un’altra storia. Anzi, è il finale di una storia che gli azzurri dovranno cominciare a scrivere con la penna della vittoria e un inchiostro pieno di veleno. I cui sinonimi sono carattere e attributi: cose che Rino ha chiesto urlando (di tutto) ai suoi già domenica sera, subito dopo la tremenda batosta con lo Spezia. Una sconfitta che ha letteralmente spezzato le gambe a un NAPOLI che ora dovrà rimettersi a correre, neanche a camminare, senza perdere altro tempo: la qualificazione alla prossima Champions è l’obiettivo dichiarato ma è soprattutto un obbligo, nell’ottica della programmazione futura di un club che alle spalle non ha petrodollari o il vento dell’Est. Tutto chiaro, insomma. Proprio come le scelte di GATTUSO all’orizzonte: Petagna tornerà al centro dell’attacco, Rrahmani potrebbe giocare la prima da titolare e Koulibaly dovrebbe rivedersi tra i convocati. Mertens, invece, rimanderà il suo appuntamento con il campo: con Osimhen che a questo punto è fortemente a rischio per la Supercoppa, tra Covid e infortunio, la priorità è presentare Dries in forma al Mapei.   [Il Napoli al lavoro verso la sfida contro l’Udinese] Guarda il video Il Napoli al lavoro verso la sfida contro l’Udinese

LA RICHIESTA DI GATTUSO AL NAPOLI

E allora, andiamo a battagliare: è quello che GATTUSO ha detto e ripetuto ai suoi in occasione degli allenamenti di ieri e giovedì, ed è anche l’unica possibilità che il NAPOLI ha per provare a cancellare un periodo che dal 16 dicembre a oggi, e dunque dalla notte di San Siro in poi, racconta di tre sconfitte (Inter, Lazio, Spezia); un pareggio all’ultima, pericolosissima curva (Torino); e una sola vittoria (Cagliari). Quattro punti sui 15 disponibili: bottino estremamente scarno, non c’è che dire, ma domani con l’Udinese è ovvio che Rino si aspetti una reazione. Per l’ennesima volta dopo l’ennesima scossa. Facciamo anche dopo l’elettroshock di domenica: ha urlato, GATTUSO, provando ad alimentare un fuoco che dovrà animare i suoi sia domani, sia mercoledì negli ottavi di Coppa Italia con l’Empoli e domenica prossima con la Fiorentina. Una trasferta in Friuli e due ravvicinate in serie al Maradona. Sì. Ma nessuno disdegnerebbe la benedizione della Mano de Dios sin da Udine: la vittoria è l’unica via d’uscita dal tunnel. Perché è di tunnel, che si tratta.   [Napoli, che beffa! Petagna gol, ma lo Spezia rimonta con Nzola e Pobega] Guarda la gallery Napoli, che beffa! Petagna gol, ma lo Spezia rimonta con Nzola e Pobega

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/napoli/2021/01/09-78020974/gattuso_cambia_vuole_un_napoli_da_battaglia_per_il_tour_de_force/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: