L’agente di Insigne: “Tempo quasi scaduto, tocca a De Laurentiis”

L’agente di Insigne: “Tempo quasi scaduto, tocca a De Laurentiis”

La matematica non è un’opinione. O forse sì: quasi PARAMETRO ZERO, certo, ma anche 415 presenze in assoluto; 320 in campionato; 114 gol in tutte le competizioni e 89 in Serie A; la palma di campione d’Europa con la maglia numero 10 della Nazionale; 18 anni di vita AZZURRA; la fascia di CAPITANO. Questa è la storia di LORENZO INSIGNE e del NAPOLI - la storia scritta da Insigne nel Napoli - e questo invece è il DATO che il tempo, marciatore spietato, scandirà in un clic: tra quindici giorni, Lorenzo acquisirà lo status di parametro zero a meno che non si sblocchi la trattativa per il prolungamento del suo contratto, in SCADENZA il 30 giugno 2022. Cronaca: DE LAURENTIIS offre un QUADRIENNALE da 3,5 milioni di euro a stagione, mentre lui accetterebbe lo stipendio attuale (5 MILIONI). Senza bonus alla firma. «Assolutamente», precisa il suo manager, Vincenzo PISACANE.

E ORA, CHE SUCCEDE?

«Non si può dire, nel calcio tutto può cambiare in dieci minuti».

SACROSANTO. DE LAURENTIIS, PERÒ, HA DETTO DI AVER FATTO LA PROPRIA MOSSA E CHE ORA LA PALLA PASSA A INSIGNE.

«Lui dice quello che ritiene più opportuno, ma bisognerebbe chiedere qual è stata l’offerta e per quale motivo il giocatore ha rifiutato».

QUADRIENNALE DA 3,5 MILIONI A STAGIONE. FINO AL 2023, INSOMMA.

«Preferisco evitare cifre e dettagli, ma non riteniamo congrua la proposta».

CONTATTI AZZERATI?

«No, ci sentiamo abbastanza spesso. E d’accordo, l’ultima telefonata non è stata delle migliori, però è giusto che ognuno abbia la propria idea e faccia la propria parte. Non possiamo puntarci le pistole alle tempie».

E INTANTO, TRA UN PAIO DI SETTIMANE INSIGNE SARÀ UN PARAMETRO ZERO.

«Il regolamento dice così, ma non è mica l’unico. Certo, il suo caso fa rumore perché è un top player, un campione d’Europa, e forse nessuno si aspettava questo epilogo. Anzi, forse Lorenzo sì».

STA DICENDO CHE È FINITA?

«La storia tra il Napoli e Insigne non finirà mai anche se andrà a giocare altrove. Anzi, è da raccontare: c’è troppa vita, troppo amore. Ma nel rispetto del giocatore e di tutti non si può aspettare in eterno, non si può aspettare giugno. E se poi malauguratamente dovesse prendere un raffreddore? Perché rischiare?».

[…]

A PROPOSITO: SI DICE CHE ABBIA AVUTO CONTATTI CON LA LAZIO, L’INTER, IL TOTTENHAM, IL MILAN E LA JUVE.

«Fino a gennaio non avrò contatti con nessuno. Su questo sono molto fermo: dal 2, poi, tutto cambierà».

[…]

PARTIAMO DA UN PRESUPPOSTO: INSIGNE VUOLE RESTARE AL NAPOLI?

«Credo che bastino il suo attaccamento alla maglia, i sacrifici, il modo di giocare, la gioia per le vittorie e la rabbia per le sconfitte: ha sempre risposto senza rispondere. Superfluo aggiungere altro».

[…]

SENTA, PISACANE, SIAMO SINCERI: IL NAPOLI E IL SUO CAPITANO SONO LONTANI?

«In questo momento, per i tempi, sono abbastanza lontani. Ma tutto può cambiare. Eventualmente, ce ne faremo una ragione».

E ORA LA PALLA A CHI PASSA?

«Al presidente. Non è mai stata in mano nostra».

Tutta l’intervista esclusiva sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/calcio-mercato/napoli/2021/12/16-87993908/lagente_di_insigne_tempo_quasi_scaduto_tocca_a_de_laurentiis/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: